lgbt · Recensioni · Romanzi

Diario Vittoriano Vol.2-Lord Kiran di Lennox, di Laura Costantini

Buongiorno a tutti, Ombre!

Oggi continuiamo la scoperta del mondo e dei personaggi di Laura Costantini, con il secondo installamento della sua serie “Diario Vittoriano”. Ecco a voi “Lord Kiran di Lennox”.

 

EDITORE: goWare

DATA DI USCITA: 11 Dicembre 2017

PAGINE: 216

PREZZO: 12.99€

 

TRAMA

Un incontro d’anime. Questo è accaduto tra Robert, scrittore e pittore, e Kiran, conte e filantropo. A niente sono serviti rancori fanciulleschi, orgoglio, paura. Sono destinati a ritrovarsi. E nell’attesa del processo che, a pochi anni di distanza da quello subito da Oscar Wilde, si appresta a distruggere vita e reputazione di Robert, i suoi diari sono lì, pronti a restituirgli un’adolescenza che ha saputo sconfiggere ogni convenzione. E che a quelle anime innamorate ha concesso di trovarsi e toccarsi. Unirsi.

 

Questo secondo romanzo si addentra ancor di piú nell’animo di Robert e Kiran, mostrandoci tutte le luci ed ombre del loro rapporto, portato e tirato allo spasimo, in continuo allontanamento e riavvicinamento, mentre i due provano a sfuggire al sentimento, al tempo proibito, che cresce in loro.

Questa parte é veramente intensa, ben fatta, realistica ed emotiva. L’introspezione dei due ancora piú eccellente, la crescita da ragazzini a giovani uomini complice di questo cambiamento. Il loro desiderio si fà realistico, impellente, ed é stato realizzato e dipinto benissimo dall’autrice; emana dalle pagine, si fa persino palpabile durante la lettura.

Tutto, fra alti e bassi, procede verso l’incontro con uno dei personaggi che piú ho odiato da che ricordi: Catherine, colei che pensavo vittima, anch’essa, del bigottismo dell’epoca, ma che invece si fa carnefice. Questo mi ha solo che reso piú facile odiarla per ciò che compirà in futuro.

 

Un’altro dettaglio molto importante, oltre alla crescita dei personaggi, all’ambientazione attenta ai dettagli, che richiama una Londra vittoriana realistica ed affascinante, all’argomento trattato benissimo e all’emotività piú che realistica, é Kiran stesso, il suo passato e i suoi gesti per combattere quello che l’ha, in parte, reso quello che é ora: un’uomo, cresciuto troppo in fretta, con una rabbia cocente, ma un’uomo stupendo, con ideali e intenzioni volte a salvare chi come lui é stato abbandonato.

Ci viene rivelato pian piano Kiran, ma quello che viene mostrato é nudo e crudo, e al contempo bellissimo  il suo personaggio é indescrivibile, con una forza di volontà enorme e un senso del dovere e del sacrificio ancora piú grandi. Il suo amore per Robert é senza confini, cosí come il suo odio per ciò che si nasconde nelle ombre dell’aristocrazia; parte analizzata con sentimento, assieme al razzismo e all’omofobia del tempo, con scene forti, ma interrotte(scelta a mio parere perfetta, l’immaginazione e questi accenni bastano a far venire i brividi) nel momento in cui stanno per sfociare nella violenza piú cruda, lasciando al lettore il tempo per capirle e immaginare da solo cosa possa essere accaduto, anche grazie alla forte introspezione e ai sentimenti che tutto lascia.

Io sto apprezzando sempre di piú questa serie, un concentrato di argomentazioni che mi stanno molto a cuore e di battaglie emotive che comprendo e che emozionano come dovrebbero.

IL MIO VOTO: 4.5/5

 

Alla prossima!

Sirien

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...